Connect with us

Genoa - La Storia -

Genoa – Venezia, il giallo – I dubbi, i protagonisti, segreti ancora nascosti ! Un Genoa ambizioso in serie A, venne fermato ! Da chi e perché ?

I processi dopo 16 anni, non solo non hanno chiarito ma hanno aumentato i quesiti, errori su errori, di una giustizia sportiva che fu travolta l’anno dopo da Calciopoli

Torniamo un attimo a Genoa – Venezia, quella partita dolorosa, che avrebbe dovuto sancire la promozione in A del Genoa, invece ci vide a tutti, società e tifosi, sui banchi degli imputati.
Ora voglio fare un analisi oggettiva, su qualcosa che non mi è mai tornato.
Il Genoa era primo, il Venezia era ultimo.

Storicamente ci fu un solo risultato clamoroso un Roma – Lecce 2-3 annata 1985/86. La prima in classifica in coabitazione con la Juventus affronta alla penultima giornata, in casa in serie A, l’ultima in classifica. Ovviamente la prima è la Roma, quella Roma allenata da Sven Goran Eriksson, arrivata lì dopo una lunga rimonta sulla Juventus, strafavorita, con i bianconeri sulle ginocchia, perse in modo inaspettato dopo esser passata in vantaggio, con Graziani e rimontata da DiChiara ex delle giovanili romaniste e Barbas, doppietta ! Il goal di Pruzzo, fissò il risultato sul 2-3.

Il Genoa era primo il Venezia ultimo !
Eppure per motivi a me ancora oggi sconosciuti, la settimana precedente l’incontro, i media di tutta Italia misero pressioni sui giocatori e sulla società. Non l’ho mI visto fare prima, non l’ho più visto fare dopo. Tanto per fare una comparazione con Roma – Lecce, la settimana precedente , i giocatori della Roma erano tranquilli, forse troppo, di battere il Lecce. Nessun media mise il dubbio, su una vittoria certa.

A Genova come al solito, tutto procede al contrario, prima le critiche clamorose fatte dai giornali per una mancata vittoria, che avrebbe decretato la promozione senza aspettare l’esito di Genoa- Venezia . Un 2-2 in trasferta
Poi al mercoledi, le feroci rimostranze a livello nazionale, del Torino, in lotta per la promozione, denunciante un Venezia pronto a schierare le riserve. Un Venezia già retrocesso, sull’orlo del baratro a causa di un probabile fallimento, molto in ritardo sui pagamenti degli stipendi.
Perché questo clima? Da cosa fu creata , la pressione sui giocatori ? Non credo ancora oggi, la casualità, i giornali critici, il Torino in missione a Venezia, i telefoni caldi tra le 3 società.
Neppure la partita fu normale, il Venezia giocò con tutta la determinazione possibile, il Genoa sulle ginocchia, subì 2 reti e solo un goal del Principe Milito, sancì per 3-2 la vittoria Genoana tra mille sofferenze.

Dopo 2 giorni lo scandalo, il tentativo mai veramente provato di accomodamento e tutto quello che ne seguì .
Unica cosa certa, un premio a vincere promesso dal Torino al Venezia! Da qui si scatenò il tutto ? Oppure a Genova qualcuno ha partecipato appositamente a mettere zizzania.
Intercettazioni non valide ma usate ugualmente, chi sapeva a Genova ? Chi avrebbe beneficiato di un Genoa in C? Chi cercava di affossare Preziosi e suoi progetti, al tempo comunque ambiziosi al massimo livello ?
Non voglio neppure citare le bruttissime voci che negli ultimi 2 mesi, quando la squadra era lanciatissima si abbatterono sullo spogliatoio , seguite da liti varie che coinvolsero anche mister Serse Cosmi. Condottiero di quella squadra.
Insomma rimangono i dubbi, di chi a Genova partecipò a quello che in gergo si può chiamare ” La stangata ” come un celebre film.
Persone rispettabilissime oggi, a cui un Genoa vincente, non sarebbe stato a genio.
Riflettiamo perché la Storia alcune volte si ripete e il marcio è più vicino a Noi di quanto si possa immaginare.
Siamo con una nuova proprietà e con ambizioni ancora maggiori, ma la Storia di Genoa – Venezia è ancora tutta da chiarire !
R.N.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *